Il Piccolo Forum di LAILAC
Il Piccolo Forum di LAILAC

Forum dell'Associazione Culturale Giapponese Lailac di Firenze
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 NiMI Festival XIII Edizione Reportage Anime Click

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Franky

avatar

Messaggi : 33
Data d'iscrizione : 24.07.10
Età : 29
Località : Ikebukuro

MessaggioTitolo: NiMI Festival XIII Edizione Reportage Anime Click   Mar Dic 20, 2011 6:30 pm

Ciao a tutti!!!!!!!!! Very Happy Grazie ad Anime click per questo reportage

NiMI - Reportage giorno 1



Con la cerimonia benaugurante di Miyatake Genchou si è aperta la tredicesima edizione del Festival giapponese a Firenze. Noi, in questi tre giorni, cercheremo di raccontarvi i personaggi, le attrazioni e le “particolarità” della manifestazione. Partiamo subito con le cose serie: se, dopo Lucca, vi è ancora rimasta la voglia di fare torte e di venire a portarcele noi siam qui, vicino al palco principale, che vi aspettiamo. [Questa volta potete anche evitare, tanto io non ci sono - Slanzard]

Detto questo oggi abbiamo iniziato a “perlustrare la zona” e a muoverci tra le bancarelle e i punti di ristoro. Girando girando, uno di noi si è ricordato che da poco ha ammaccato la macchina e, volendo darle un tocco di grinta in più, quale miglior occasione che non fare due chiacchiere con Kunimoto Saito e Keisuke Handa, esperti di Itasha?

• AnimeClick: Cos’è l’ Itasha? Dove è nato? Da quanto lo fate?
Itasha significa “Dolore Macchina”. Avvolgiamo la macchina con adesivi e la facciamo “soffrire”. Noi lo facciamo da 5 anni. Compriamo i permessi per gli anime e poi li ridisegniamo noi.

• Com’è nato?
Grazie al computer, con cui si possono fare i fotomontaggi.

• Quanto è diffuso in Giappone?
Abbastanza, sta prendendo piede.

• Quanto costa?
Una macchina 2'000 €, più che altro per la manodopera che c’è dietro. Proprio senza spazi liberi 5'000 €.

• Qual è il personaggio più strano che avete messo su una macchina?
Abbiamo ricoperto una Ferrari F480 speeder decappottabile e una Lamborghini da capo a piedi con l’immagine di Hatsume Miku.

• Qual è il personaggio che vorreste mettere su una macchina ma che ancora non vi hanno chiesto?
Mazinga Z, che farò il prossimo anno ma che vorrei fare da tanto.

Per quanto riguarda il programma di sabato 17 partiamo segnalandovi le cose che alle 13:00 inizia la sfilata dei cosplay che tenteremo di documentarvi con dovizia di particolari e di foto (non preoccupatevi, presteremo attenzione ai vari cos play di Yoko, Lamù, Boa e affini…).

Alle 14:00 al Palco Main Stage ci sarà il secondo episodio del nostro nuovo mito, Metal Samurai!

Alle 15:00 nell’Area incontri si potrà assistere alla presentazione di Viva l’Hetalia.

Alle 18:00, per finire la giornata in bellezza ci saranno i La mente di Tetsuiya, la band che ci farà ballare con le sigle dei cartoni animati giapponesi.

Ma gli eventi saranno molti e riguarderanno i tanti aspetti della cultura giapponese: dalle danze alla vestizione del kimono, dalle arti marziali al tea party.
Vi lasciamo ricordandovi infine che l’area del Festival, che si svolge alla Fortezza Dabbasso (proprio vicino alla stazione di Santa Maria Novella), apre alle 9:00 e chiude alle 20:00 e durerà fino al domenica 18.

Venerdi - 17/12

Pensavamo che fosse passato lo sciopero dei treni, la tormenta e il brutto tempo, ma, si sa, tra tutti gli incantesimi la sfiga è quello con più costanza. La nostra collaboratrice, da chiuso morbo combattuta e vinta, non è stata benissimo e per solidarietà uno di noi le è stato accanto. Prima di lasciarci però, visto che ieri si è fatta “impastare” con il massaggio Shiatsu, sbattendoci in faccia il suo relax, mentre era lì ha parlato con David Hirsch del centro trattamenti Shiatsu do .

• AnimeClick: Ci può fare una presentazione?
Nasciamo a Milano. All’inizio avevamo 60 sedi ma ora ne abbiamo meno in Italia e ci siamo estesi a Cuba e in Brasile (a Brasilia abbiamo un progetto con 550 bambini che mangiano e studiano nella nostra scuola). Ciò che noi vogliamo è diffondere il benessere e aiutare le persone a prevenire i loro problemi fisici piuttosto che curarli. I nostri non sono massaggi, ma uno scambio di energie basato sulla pressione delle mani sul corpo; è una forma di ripetizione del corpo a se stesso.

• In Italia com’è considerata la vostra disciplina?
La nostra scuola rilascia un attestato dopo 4 anni che non è riconosciuto a livello sanitario.

• Che effetti ha sull’organismo?
Il corpo reagisce se c’è qualcosa che non va e il suo modo per farcelo capire è il dolore. Spesso se ci fa male un punto non significa che il nostro problema sia lì. Lo Shiatsu riesce a scoprire la causa del dolore e a alleviarla.



Il nostro giro è continuato e abbiamo finalmente la possibilità di farvi vedere un po’ di modelli Itasha qui sopra. Ma se credete che le macchine siano l’unica cosa che si possa “pimpare” qui al NiMI vi sbagliate di grosso. Questo articolo è quello che per primo ha attratto la nostra attenzione. Vediamo, a parte la cucina, qual è la cosa di cui si lamentano sempre gli italiani quando vanno all’estero? Cos’è che ci manca di casa? Esatto! Il Bidè! E come mostra l’immagine qui sotto con questa nuova tavoletta il vostro bagno sarà super!



Ma il destino beffardo aveva in serbo altre sorprese! La prima è che, dopo la pausa pranzo, forze avverse non hanno permesso l’incontro con gli altri ragazzi e mi son trovato a dover fare le foto con il mio telefono. Quindi, aspettando che mi arrivino quelle ufficiali intanto utilizzerò quelle che mi son venute meglio. La seconda sono stati alcuni cambiamenti al programma per cui La mente di Tetsuya hanno iniziato a suonare prima e non ho potuto vedere tutto il concerto (però mi son beccato La Stella della Senna e Baby I Love You dei Bee Hive).



Fortunatamente c’è stato l’immancabile the delle 17:00 con Aoki Misako, autodefinitasi la testimonial kawaii del Gothic Lolita, la moda proveniente dal Giappone in cui ci si veste con [testuali parole] “dei cappelli di questo tipo, dei vestiti di questo tipo, delle calze di questo tipo, delle scarpe di questo tipo”; tutti tipi che potete vedere nella gallery in fondo.

Per i cosplay aspetto le foto di colui che abbiamo proclamato democraticamente fotografo. Ma non potevo non segnalarvi l’effetto che i membri dello stand del gentil sesso hanno avuto sul nostro Sanji.



Birra Sapporo Che dire, alla fine di una giornata così c’è solo una cosa che un uomo sano di mente possa fare. Domani abbiamo detto di provare anche il vino di riso e il sakè, per cui non so se la sera riusciremo a farvi il resoconto della giornata che vede, tra gli altri, la video intervista a Leiji Matsumoto alle 10:00 e la finale della gara di cosplay. A domani e che stavolta la fortuna ci assista!

[Vorrei ringraziare Mana (lo spontaneo fotografo) e Aduskiev per l'assistenza, in parte le news sono anche loro]

NiMI - Reportage giorno 2
Sabato 18/12

Memore e preoccupato che i problemi di ieri si potessero ripresentare anche oggi siamo andati avanti con le dita incrociate fino all’ultimo e sembra sia andato tutto bene. Ci tengo a precisare che le cose riportate qui sono dipese da molti fattori: in primis la curiosità e l’interesse suscitato su di noi; le interviste sono dipese sia dalla nostra disponibilità che da quella degli intervistati (avremmo voluto riportarvi tanto altro, ma è stato fisicamente impossibile); inoltre l’idea è stata quella di parlarvi non solo di ciò che riguarda direttamente anime o manga, ma, essendo un festival sul Giappone in generale, tutti i fenomeni interessanti e particolari provenienti dal Sol Levante che hanno trovato posto alla fiera; infine sono entrate in gioco anche le nostre capacità: per esempio oggi c’è stato un bellissimo spettacolo di danza del gruppo Kyokomachi di Kyoto, che hanno anche fatto un pezzo su un madley di sigle di anime giapponesi (Sailor Moon, Neon Genesis Evangelio e One piece) ma, onestamente, io ho difficoltà con la Macarena e non avrei saputo che chiedere a delle ballerine. Visto che le cose oggi sono andate bene abbiamo avuto modo di incontrare molte persone, per cui tutto quello che abbiamo visto oggi verrà diviso in “due puntate”. Oggi la mattina.

Ad una fiera giapponese non può mancare la cucina e nella cucina nipponica la parte del leone la fa il sushi. Ma, un momento, quello non è pesce bensì gelato. Abbiamo pertanto intervistato Aldo Cursano, il presidente del ristorante Kome e gestore della catena Oh Sushi, che dopo l’evento del terremoto si è occupato di un’oppera di sensibilizzazione nei confronti della cultura giapponese. Essendo un difensore dell’artigianato culinario ha voluto unire il meglio della cucina giapponese con il meglio della cucina italiana assieme alla gelateria Vivoli, gestita da Silvana e Patrizia Vivoli assieme a Simone Gori.



• AnimeClick: Qual è il frutto di questa unione?
Abbiamo creato i Temaki Ice e Sushi Ice: hanno la forma di quelli originali ma sono fatti con gelato ai gusti di riso, the verde, wasabi, ginger e ananas. Per riprodurre l’alga abbiamo utilizzato: farina di riso, sesamo nero e the verde.

• Dove avete presentato per la prima volta il prodotto?
Al Festival del gelato che si è tenuto a Firenze la scorsa primavera, dove ha ricevuto l’attenzione di critici italiani e stranieri.

• Qual è stata la risposta dei consumatori?
La risposta è stata assolutamente positiva sia da parte degli italiani sia da parte dei giapponesi.

• Qual è il prezzo delle vostre creazioni?
Nonostante gli ingredienti di base siano costosi e i tempi di lavorazione siano molto lunghi, abbiamo dato ai prodotti prezzi accessibili a chiunque: il Temaki costava 4€, il Sushi 2, 50€. In più facciamo delle coppette che hanno lo stesso prezzo del gelato tradizionale.

Visto l’interesse suscitato ieri, abbiamo cercato di soddisfare le nostre curiosità di ieri nei confronti dell’Eletronic Bidet. Come abbiamo accennato, la nostra attenzione è stata attratta da questa tavoletta intelligente, da applicare al bagno di casa, da cui escono due diversi “ugelli” che spruzzano un getto d’acqua per l’gene intimo. Interessati dal prodotto siamo andati a fare un’intervista a Paolo Ravizzotti, manager director di New line S.r.l., ditta italiana che prende i prodotti dalla koreana Samhongtech.

• AnimeClick: ci parli di come le è venuta l’idea di portare in Italia questo prodotto.
L’idea originale è giapponese. Tornato da un viaggio in Giappone ho ricercato il prodotto ma, non trovandolo, ho deciso di importarlo sia in Italia che in Europa. L’obbiettivo è quello di iniziare a commercializzare prodotti finalizzati a questo tipo di detersione in Europa in cui non si utilizza il bidet, mentre in Italia l’obbiettivo e quello di sostituire questo tipo di sanitario.

• Quali vantaggi offre questo articolo rispetto al bidet?
Partiamo dal fatto che l’Italia è l’unico paese al mondo in cui, per legge, è obbligatorio che in ogni abitazione ci sia almeno un bidet o articoli per la pulizia intima. Partendo da questo presupposto vantaggi sono molteplici: non c’è spostamento da un servizio all’altro; non c’è bisogno di installare un altro sanitario; è molto più pratico da utilizzare per le persone con disabilità o per le donne in stato interessante; viene ridotto il consumo di acqua e di carta igienica; lo scarico viene effettuato nelle acque scure.

• Quali sono le caratteristiche tecniche del prodotto?
Gli ugelli sono due: per l’igiene “generale” e quello per l’igiene femminile che si puliscono da soli automaticamente dopo ogni utilizzo. Ci sono tre funzione base: pulitura, pulitura femminile, asciugatura e stimolazione. È possibile regolare sia il gettito d’acqua (ci sono 5 livelli d’intensità) sia la posizione. In più la tavoletta si chiude lentamente senza sbattere.

• Il prezzo?
Dai 410€ ai 790€.

NiMI - Reportage giorno 3
Domenica 19/12

Cosa non può mancare in un laghetto nipponico? Naturalmente le carpe! Incuriositi dai simpatici pesci che ci accolgono all’ingresso della fiera abbiamo fatto qualche domanda a Stefano Rivola di Koi Italia.



• AnimeClick: intanto ci parli di lei e della sua attività
L’azienda, con sede a Firenze e operante da 6/7 anni, importa carpe dal Giappone e realizza laghetti ornamentali. L’idea nasce da un viaggio in Giappone che mi ha cambiato la vita e fatto appassionare alle carpe giapponesi. Questo tipo di attività ha appassionati in molti paesi, mano da noi; è qui che entriamo in gioco noi.

• Come reagiscono gli italiani a questo nuovo tipo di collezionismo?
Fuori dall’Italia ci sono associazioni che consentono lo scambio delle carpe. Solitamente però che le ha ci instaura un rapporto che va al di là del collezionismo. Qui da noi è un po’ presto: qui sta attecchendo tramite il passaparola, altrimenti on-line.

• Ci può dare qualche informazione sugli animali?
La qualità della carpa si valuta in modo complesso. Un pesce di 30cm può costare 200€ come 2’000€ e più. Le varietà sono classificate in base alle dimensioni e alle attaccature delle pinne. La colorazione è una qualità a parte che dipende dalla varietà della specie: per ognuna ci sono standard rigidi e più il pesce vi si avvicina più vale. Trasportarle qui per loro è stressante perché il viaggio è molto lungo e nonostante vengano presi molti accorgimenti. In primavera e autunno arrivano a mangiare 5/6 volte al giorno mentre in inverno, almeno qui in Italia, non soffrono il freddo e possono stare anche sotto il ghiaccio.

Finita questa intervista, la nostra collaboratrice, piacendole le cose kawaii o “pucciose”, è stata presa dalle molte bancarelle di oggettistica e con una di esse, la Aranzi Aronzo Inc., è riuscita anche a scambiare alcune battute. I titolari sono creatori di una linea di oggetti molto “pucciosi”. Hanno iniziato 20 anni fa a Osaka, spostandosi poi a Tokyo, Sapporo e Kyoushou. Il loro interesse è diffondere le loro cose kawaii nel mondo. Sono passati da Firenze in attesa di andare al Japan Expo di Parigi. Hanno anche un sito on line che potete trovare qui tramite cui acquistare anche in Italia.



E poi è iniziato il delirio: la gara di Cosplay. Molto democraticamente alla nostra collaboratrice, esperta in materia, abbiamo detto:”Bene, vai e fotografa i cosplay migliori … e naturalmente le/i ragazze che “attirano l’attenzione”.” “E se quelli non mi piacessero?” “Ma insomma, ti dobbiamo spiegare tutto? E poi l’abbiamo promesso; e poi ricordati che lo fai per una causa superiore”. Dopo 5 minuti di raffinata arte dialettica e retorica degna del più grande principe del foro, durante i quali l’abbiamo minacciata di non riportarla a casa, ha eseguito gli ordini. Tutte le immagini le potrete trovare sulla nostra pagina Facebook a partire da domani(sapete com’è, Slan mi ha fatto presente che Zukemberg non ha problemi di server).

Il finale è stato tutto dei Cartoon Heros che io non ho potuto vedere perché son corso a casa a scrivere l’articolo e a inveire contro le foto che non si caricavano.

Una menzione va fatta anche per i nostri “compagni di banco” che hanno trascorso questi giorni con noi, Time Bokan Fanclub, impegnati a portare la serie remake di Yattaman in Italia anche con il nostro sostegno!

Prima di concludere però volevo ringraziare tutta l’organizzazione del festival che ci ha aiutato ed è stata molto disponibile, in particolar modo Seigo Nakajima, vice-presidente del NiMI, che è stato il nostro referente principale. Speriamo di rivederci e di rivedervi l’anno prossimo!

Grazie ad Anime Click per questo reportage sul NiMI Festival - Japan Expo Anime Click
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.opfitalia.net
Centerfire

avatar

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 16.10.10
Età : 56
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: NiMI Festival XIII Edizione Reportage Anime Click   Mar Dic 20, 2011 6:56 pm

Mannàggia a quelli di AnimeClik!!!

Per "colpa" loro ho fatto una figura magra che me la ricorderò per anni!!!

Hanno lasciato il loro banco vuoto ma fornito di vistosissimi cartelloni mentre a fianco, proprio appiccicati, quasi sovrapposti, i rappresentanti del Time Bokan Fanclub si davano un gran daffare...
Io, bello frescaccione, scambio le persone ed inizio ad elogiare il lavoro ed il sito fino al momento in cui pronuncio "Animeclick" al che mi rispondono "Nò, guarda, questo è il Time Bokan Fanclub!".
Almeno ne ho approfittato per firmare la petizione che avevo perso nell'occasione di LuccaComics, ma la "magra" è stata così plateale che mi salutavano ancora quando ci incrociavamo... ^^'


Belle le carpettine!
Le avevano coperte con la rete per salvarle dal sushi? Smile)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
NiMI Festival XIII Edizione Reportage Anime Click
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Piccolo Forum di LAILAC :: Eventi-
Andare verso: